laveraloe-004

L’aloe Vera delle Isole Canarie


Alle Canarie cresce una delle qualità migliori di Aloe Vera che è il nome volgare di una delle diverse centinaia di specie di Aloe, il cui nome botanico è Aloe Barbadensis Miller.
Spesso si fa largo uso del termine Aloe Vera mentre in realtà gran parte dei prodotti in commercio contengono altri tipi di Aloe, non meno efficaci ma diverse, di seguito elenchiamo alcune delle principali specie:

  1. L’Aloe Vera o Aloe Barbadensis deve il suo nome all’isola Barbados dove crescevano una grande quantità di queste piante, è originaria delle coste nord orientali dell’Africa e vennero importate dai commercianti portoghesi.
    L’Aloe Barbadensis a sua volta si suddivide in tre varietà:

    • Miller o vulgaris, prende il nome dallo svizzero H. Miller che ha studiato a lungo questa varietà importata dai portoghesi. Miller la chiamò vulgaris in conseguenza alla grande abbondanza in comparazione con le altre varietà. È presente sulle coste del Marocco, Mauritania, Senegal, nelle isole di Capo Verde e nell’arcipelago canario. Attualmente viene coltivata anche in Europa, in Messico ed in Centro America.
    • Humilis, deve il suo nome alla minor grandezza della pianta con foglie piccole ed allungate. Ha un colore verde azzurro scuro, ha proprietà simili alla Miller ma viene utilizzata di meno perché il rendimento commerciale è inferiore a causa della sua minor grandezza.
    • Mitriformis, ha foglie larghe e corte a forma di cuore, è stata chiamata così perché le sue forme ricordano quelle di una mitra. Le foglie sono molto carnose ma, a causa delle sue misure ridotte, è poco commercializzata.
  2. Aloe Socotrina o nobilis, è stata la prima specie utilizzata dall’uomo ma è andata in disuso dopo la scoperta dell’Aloe Vera. Si utilizza nella medicina omeopatica in virtù del suo potere energetico.
  3. Aloe Arborescens, deve il suo nome alla sua forma ad arbusto ed è famosa per il suo utilizzo in alcune ricette come quella di Padre Romano Zago.
  4. Aloe Ferox, il suo nome significa selvaggia (ferox in latino), contiene un alto contenuto di polisaccaridi e rispetto l’Aloe Vera, più ferro e calcio.